Apri Menu

La formazione

“Il Risk Manager ha una forte predisposizione a motivare le persone, alla pianificazione e al controllo e la capacità di tradurre le esigenze del Consiglio di Amministrazione in azioni strategiche volte a mitigare i rischi con accezione negativa e favorire lo sfruttamento delle opportunità alimentate da un insieme di rischi"

Autore: Testo tratto dal Position Paper di Anra “Gli standard di Risk management e l’ISO 31000”

La figura professionale del Risk Manager non richiede una formazione pregressa specifica, ma l’acquisizione di competenze che possono giungere da diversi percorsi formativi universitari o post universitari e dall’esperienza personale sviluppata all’interno del contesto aziendale.

A supporto della creazione della figura del Risk Manager aziendale esistono oggi prodotti formativi indirizzati alle imprese che vogliono avviare un percorso di Risk Management o ai professionisti che hanno deciso di acquisire un nuovo ruolo. A tale scopo ANRA organizza ogni anno, in collaborazione con istituti specialistici e universitari, una serie di corsi di formazione sul mondo della gestione del rischio. Dal 2017 è inoltre attivo il percorso di formazione ALP, per guidare i professionisti verso l'ottenimento della certificazione professionale europea Rimap.

In ogni caso, per adempiere in modo efficace al proprio ruolo, il Risk manager e l’Insurance manager devono mantenersi costantemente aggiornati sulle leggi e normative, sull’evoluzione del mercato assicurativo e riassicurativo, sull’affidabilità degli assicuratori e sui nuovi prodotti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA