Apri Menu

Grandi imprese sempre più compliant

Un recente sondaggio globale ha evidenziato come stia crescendo l’attenzione, nelle grandi aziende, verso le questioni normative. Un’evoluzione che rassicura i Chief Compliance Officer

Autore: Chiara Zaccariotto

Le grandi imprese, a livello globale, sembrerebbero diventare sempre più attente alla compliance, come si evince dalla minore preoccupazione sulle questioni di personal liability dichiarata dagli oltre 130 Chief Compliance Officers intervistati da DLA Piper in una recente survey. Il 70% di essi ha dichiarato di aver apportato, nel corso di quest’anno, sostanziali modifiche ai programmi aziendali di compliance sulla base delle recenti evoluzioni normative, una tendenza in netto miglioramento rispetto al 2016, anno in cui la percentuale si fermava al 21%. Ciò è stato possibile anche grazie all’aumento delle risorse, umane ed economiche, a disposizione dei CCO, l’84% dei quali si dichiara soddisfatto della situazione attuale (contro il 76% dell’anno passato). Le imprese stanno comprendendo inoltre l’importanza della fase di monitoraggio del rischio, che nel 2016 veniva indicata come “punto debole” dal 66% degli intervistati mentre quest’anno viene nominata solo dal 46%. Sono cambiamenti da cui deriva un contesto lavorativo in cui chi è responsabile della compliance si sente più sostenuto e protetto da parte dell’azienda, pertanto meno esposto a possibili problemi di responsabilità professionale. 


La survey è disponibile online a questo link

© RIPRODUZIONE RISERVATA